Polizza Incendio e Scoppio

Calcola e Confronta i Migliori Preventivi Online

Informazioni Assicurazione Incendio e Scoppio


L’Assicurazione Incendio e Scoppio è la Polizza assicurativa che il mutuatario è tenuto a stipulare contestualmente all’erogazione del finanziamento per l’acquisto della propria casa.

Ma quali sono le caratteristiche dell’Assicurazione Incendio e Scoppio? Per quale motivo si rende necessario stipulare un’Assicurazione Incendio e Scoppio mutuo? E perché sia la banca che il mutuatario dovrebbero essere particolarmente interessati a tale Polizza?


Assicurazione Incendio e Scoppio: cos’è?


Come intuibile, la Polizza casa Incendio e Scoppio è un contratto assicurativo che ha come obiettivo principale quello di proteggere il valore dell’investimento effettuato con l’acquisto di un immobile da una serie di eventi negativi che potrebbero danneggiarlo irreparabilmente, o quasi.

La Polizza serve infatti a tutelare l’immobile e il patrimonio del mutuatario dai danni che possono essere determinati da incendi non dolosi, esplosioni, scoppi dovuti al malfunzionamento di impianti o apparecchiature elettriche o esplosioni derivanti da avverse condizioni atmosferiche, come ad esempio un fulmine.

Nella sventurata ipotesi in cui si dovesse verificare uno degli eventi previsti dalla Polizza, il sottoscrittore della stessa, otterrà un risarcimento da parte della compagnia assicurativa in relazione alle perdite subite a causa del sinistro, pari generalmente al valore di ricostruzione a nuovo dell’immobile.

È proprio per questo motivo che la stipula di questa Polizza è direttamente vincolata alla perizia sulle condizioni dell’immobile che lo stesso istituto di credito, erogante del mutuo, richiede. È infatti mediante la perizia effettuata che la banca potrà stabilire il valore dell’immobile in oggetto e, di conseguenza, richiedere al mutuatario la stipula di una Polizza il cui massimale di copertura sia congruo a tale valore.

 

Assicurazione Incendio e Scoppio: cosa copre? 


Introdotta brevemente nei termini di cui sopra, è ora il momento di comprendere che cosa copra la Polizza da noi proposta.

In verità, anche se le Polizze Incendio e Scoppio propongono un modello similare di coperture, è ben possibile che banche e Compagnie Assicurative differenzino i loro prodotti sulla base degli eventi contemplati, delle esclusioni e dei limiti.

Limitandoci agli eventi “base” che sono sempre previsti all’interno delle Polizze Ordinarie, possiamo certamente schematizzare come siano assicurati i danni materiali direttamente causati al fabbricato assicurato da:

  • Incendio;
  • Esplosione e Scoppio non determinati da ordigni esplosivi;
  • Caduta di aeromobili, loro parti o cose trasportate;
  • Onda sonica determinata da aeromobili o cose in genere, in moto a velocità supersonica;
  • Fulmine che danneggi strutture o impianti in uso al fabbricato;
  • Azioni ordinate dalle Autorità allo scopo di impedire o di arrestare l’Incendio;
  • Spese sostenute per demolire, sgomberare e trasportare in idonea discarica i residui del sinistro.

Di contro, salvo il caso in cui il contraente non lo richieda espressamente, e la Compagnia Assicurativa si riservi di valutare, non sono assicurati altri danni come quelli causati da:

  • Guerre, insurrezioni, occupazioni militari, invasioni;
  • Cedimenti o movimenti artificiali del terreno;
  • Esplosioni o emanazioni di calore o di radiazioni in seguito a incidenti nucleari e atomici;
  • Dolo o colpa grave dell’assicurato
  • Alluvioni, inondazioni, piene, mareggiate, terremoti, maremoti, tsunami, eruzioni vulcaniche.

Di tutte le esclusioni che sopra abbiamo riportato, ci preme sottolineare prevalentemente il penultimo punto dell’elenco, ove si fa riferimento a “dolo o colpa grave dell’assicurato”. È ben inteso che il proprietario del bene assicurato che si macchia di un comportamento colpevole, o che avrebbe potuto evitare con una minima consapevolezza e diligenza i danni, non riceverà alcun indennizzo per il sinistro.

In aggiunta a ciò, consigliamo altresì di prestare particolare attenzione ai limiti della copertura, considerato che in genere la Polizza, per alcune estensioni di garanzia, presenza soglie di indennizzo e franchigie.

 

Come funziona?

Abbiamo più volte ricordato che la Polizza Incendio e Scoppio è la copertura assicurativa richiesta dalle banche per l’erogazione di nuovi finanziamenti

Il motivo è abbastanza semplice: ad essere interessati a questa Polizza vi sono molteplici interessi e, soprattutto, quello della banca erogante, che ha nell’immobile finanziato la sua garanzia reale principale (e, spesso, unica). Insomma, è facile immaginare cosa succederebbe alla garanzia, nell’ipotesi in cui un Incendio distrugga completamente l’edificio in cui è situato l’appartamento finanziato con il mutuo.

Ad ogni modo, il fatto che la banca sia parte fortemente interessata dalla stipula del contratto di assicurazione Incendio e Scoppio, non sta certamente a significare che il mutuatario sia obbligato a stipulare tale Polizza proprio con l’istituto di credito erogante!

Se infatti è vero che quando si stipula una Polizza Incendio e Scoppio viene generalmente suggerito un preventivo direttamente dalla stessa banca che sta curando l’istruttoria del mutuo, è anche vero che il mutuatario può liberamente scegliere la Compagnia Assicuratrice presso con la quale stipulare la Polizza.

In altri termini, quando si stipula un mutuo e l’abbinata Polizza, è consigliabile evitare di firmare immediatamente il contratto di assicurazione previsto dalla banca e, di contro, ritagliarsi del tempo utile per poter comprendere quale sia l’offerta migliore presente sul mercato.

Nel caso in cui si proceda a stipulare un contratto di Assicurazione con altra Compagnia estranea al gruppo bancario di riferimento dell’operazione creditizia, sarà evidentemente necessario far sì che l’importo coperto sia almeno pari a quello del finanziamento. La Compagnia Assicurativa, in base al valore dell’immobile stabilito dalla perizia effettuata per conto della banca, formulerà un preventivo puntuale che potrà poi essere utilizzato per poter individuare l’offerta migliore.

 

Quanto costa una Polizza Incendio e Scoppio?


Ma quanto costa una Polizza Incendio e Scoppio? Il prezzo di questa copertura assicurativa può variare a seconda di svariati fattori.

Il Premio dell’Assicurazione cambia infatti a seconda delle coperture previste, del valore dell’immobile e del valore del finanziamento domandato alla banca per l’acquisto della casa. Non solo: a impattare sono anche le Franchigie e i Massimali: due caratteristiche contrattuali che sono – purtroppo – spesso sottovalutate dal contraente e che meriterebbero invece una maggiore attenzione. Ma cosa sono?

Le Franchigie sono gli importi sotto i quali la Compagnia assicurativa non risarcisce il danno. Ne deriva che nel caso in cui il danno sia lieve, tale da rimanere al di sotto della franchigia, la Compagnia Assicurativa non procederà ad alcun risarcimento. Proprio per tale motivo è fondamentale controllare quale sia la franchigia prima di stipulare il contratto: nel caso in cui il valore standard non sia di soddisfazione, è sempre possibile domandare che venga cambiato.

Il Massimale è invece l’importo massimo che l’Assicurazione corrisponderà nell’ipotesi in cui si verifichino dei danni all’immobile. Generalmente l’importo assicurabile può tendere all’importo del finanziamento, ma attenzione alle divergenze, che potrebbero rendere impossibile per la Compagnia Assicurativa erogare un valore di indennizzo in grado di estinguere completamente il debito residuo del mutuo.

 

Come scegliere la Polizza più conveniente?

Ora che abbiamo condiviso qualche informazione in più sulle caratteristiche di questa Polizza, è possibile cercare di compiere un utile passo in avanti e comprendere in che modo scegliere la più conveniente. Insomma: come trovare l’offerta migliore tra quelle presenti sul mercato?

In primo luogo, è bene cercare di comprendere quali siano le proprie esigenze. Come abbiamo visto qualche paragrafo fa, gli eventi “base” che sono interessati dalle Polizze sono sempre i medesimi, altre però prevedono coperture aggiuntive che potrebbero fare la “differenza” nella percezione di sicurezza da parte del mutuatario.

In altri termini, verificate se la Polizza che siete in procinto di acquistare richieda o meno la necessità di essere integrata con specifiche clausole, o se ci si possa limitare a disporre dei quelle basilari.

Detto ciò, si può certamente richiedere sul mercato – avvalendosi degli strumenti messi oggi a disposizione su internet, come AssicurazioniMutuo.com, oppure recandosi direttamente presso le Compagnie Assicurative di riferimento – la formulazione di uno o più Preventivi da confrontare. Analizzate attentamente le condizioni di assicurazione, le Esclusioni, le Franchigie e i Massimali, e effettuate una scelta accurata dopo aver ponderato il Premio, rapportato alle prestazioni garantite.


Detraibilità della Polizza Incendio e Scoppio

La Polizza Incendio e Scoppio non è detraibile così come, in linea di massima, non sono detraibili i premi pagati per le Polizze che sono abbinate al Mutuo: l’unica eccezione è rappresentata dalla parte di premio legata alla Polizza vita, di cui però l’Assicurazione Incendio e Scoppio non è parte integrante.

Anche in virtù di ciò, è dunque bene compiere la scelta di questa copertura con la massima oculatezza cercando di rispettare le previsioni di contratto. 


Come fare un Preventivo

In conclusione, giova anche ricordare come richiedere un Preventivo che sia consono alle proprie esigenze. Se infatti il Premio è facilmente calcolabile da parte della banca che eroga il mutuo, e che avrà già a disposizione tutte le informazioni del caso, lo stesso non può certamente dirsi per quanto attiene un Preventivo da ottenere presso un’altra Compagnia Assicurativa che sarà presumibilmente ignara dell’operazione posta in essere dal mutuatario.

Al fine di accorciare i tempi utili per la formulazione di un Preventivo, è dunque utile cercare di munirsi dei documenti identificativi, di quelli del finanziamento in corso di istruttoria e di quelli dell’immobile oggetto di acquisto. Con tali dati (e in particolar modo con l’importo del mutuo e il valore di mercato del bene), saremo in grado di formulare un Preventivo attendibile. Potrebbe comunque, prima della stipula, compiere degli accertamenti sull’immobile, al fine di comprendere quale sia l’effettivo valore del bene da assicurare, ed evitare sovrassicurazioni o, di contro, predisporre un contratto assicurativo il cui massimale sottostimi quello che è evidentemente richiesto o preferibile.

Commenti Assicurazione Incendio e Scoppio

  • Inserito da Luca Pierangeli

    16/07/2019

    "Pienamente sodisfatto"

    Posso ritenermi molto soddisfatto dal servizio che mi è stato offerto

  • Inserito da Valentina Chiarieri

    16/07/2019

    "Buon sito"

    Buon sito

  • Inserito da Luciana Mancini

    15/07/2019

    "Affidabili"

    Azienda molto affidabile, altamente consigliati

    <
    >