DECRETO SOSTEGNI BIS E AGEVOLAZIONI MUTUI PER GLI UNDER 36: COME RICHIEDERLO

Bonus casa per giovani under 36, fino a giugno 2022
Emmanuele Menicucci
Emmanuele Menicucci Pubblicato il 01/02/2022
Il mercato dei mutui vive un periodo di risalita dopo una flessione del -24,7% del 2020.
È quanto emerge dai dati Crif che evidenzia, nel primo trimestre del 2021, un aumento delle richieste dei mutui dell’85,1%, in particolare grazie agli under 35 che rappresentano il 29,4% del totale, rispetto al 26,3% dell’anno precedente.
Il fenomeno in atto sarebbe la conseguenza di diversi fattori come: i tassi interessi ai minimi storici, i prezzi degli immobili ancora particolarmente bassi e le misure di sostegno del governo che mirano ad agevolare i giovani nelle richieste dei mutui per l’acquisto della prima casa.
Quest’ultimo aspetto ha trovato conferma nel decreto Sostegni bis approvato dal Consiglio dei ministri e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 26 maggio 2021.
 
 

Agevolazioni mutui per gli under 36

 
L’art. 64, commi 6-8, infatti prevede l’estensione del Fondo Garanzia prima casa nei confronti dei giovani under 36 con ISEE non superiore a 40.000 euro annui.
È importante specificare che quest’ultimo è comunque un requisito previsto solo per gli acquisti soggetti a imposta di registro, mentre non è previsto per l’agevolazione sull’IVA.
Le richieste possono essere presentate fino al 30 giugno 2022.
Inoltre il decreto sostegni bis prevede il pagamento solo dell’imposta di bollo, delle tasse ipotecarie e dei tributi speciali catastali, mentre non saranno più dovute le imposte ipotecaria e catastale e l’imposta di registro.
Se la compravendita è assoggettata a Iva, per l’acquirente under 36 è prevista l’esenzione dalle imposte, di registro e catastali, e un credito d’imposta pari all’Iva pagata in seguito all’acquisto.
L’acquirente, quindi, paga l’IVA al venditore ma matura un credito d’imposta da utilizzare:
  • per coprire le imposte di registro, ipotecaria, catastale, sulle successioni e donazioni dovute su atti e denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito;
  • per pagare l’Irpef in relazione alla dichiarazione dei redditi che viene presentata dopo l’acquisto del bene;
  • per compensare somme dovute a titolo di ritenute d’acconto, di contributi previdenziali o assistenziali o di premi per le polizze contro gli infortuni.
 
Agevolazioni importanti dunque, che permettono di considerare con più serenità anche le offerte sulle Polizze da abbinare al Mutuo, come la Polizza Incendio e Scoppio
 

Come funziona il limite di età?

 
Tuttavia è necessario fornire alcuni chiarimenti sul limite d’età previsto dalla norma.
Il decreto infatti prevede agevolazioni per gli under 36, tuttavia questo non significa che l’agevolazione si rivolge a chi ha compiuto i 36 anni al momento della stipulazione del contratto, ma ai soggetti “che non hanno ancora compiuto trentasei anni di età nell’anno in cui l’atto è rogitato”.
Questo significa quindi che chi contrae il mutuo nel 2021 deve compiere 36 anni da gennaio 2022 e, di conseguenza, chi stipula nel 2022 debba compiere 36 anni nel 2023.

Cerchi una Polizza Incendio e Scoppio?

Chiedi un Preventivo

Valutazione media prodotto 5/5

Cosa ne pensi? Vota